Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.
 Nostro Partner

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

Mauritio Valperga

BREVE DISCORSO DELL'AVANTAGGIO ET DISSAVANTAGGIO DELLLE PIAZZE DI PIOMBINO ET ISOLA D'ELBA

Collana e-book n. 6

 

  è disponibile solo la versione in e-book pdf ordinabile presso l'editore Ordine E-book € 4,00

Dionsi in Longone per eseguire i commandamenti di V.E. per quella piazza , et nel tempo della mia dimora, tanto nel'Isola del'Elba, quanto nella Città di Piombino, me sono sopragionti molti pensieri, il vedere il sito di esse due Piazze, delle faragini de fortificationi che vi sono, et anche a consideratione, et aduertenza, che si deve hauer in quelle, tento più per il viaggio, che ho fatto in Roma per l'Italia di vedere, et riconoscere bene tutte le cose concernenti al mio mestiero di soldato. Non ho volsuto tralasciare, de farne un breve, et succinto discorso con I Disegni di quelle [che gionti se daranno a V. E.] dandoli ragguaglio di quanta conseguenza sia alla Corona il ben fortificare et presidiare queste due piazze, et renderele à difesa, il demolir elevechie, quali sono tunc à sorpresa Inimica; et ponendo in operazione il Disegno che se darà a parte à V. E.; la prima se assicurarà la piazza che l'Inimico la venga ad'attacare. con tanta facilità, et attacandola vi bisognerebbe un lungo assedio, et con detto tempo se puol con facilità soccorrere et poi la spesa sarebbe meno di quello si spenderebbe à seguire, et dar fine alle vecchie, et poi anno per anno ve uoria della nuova spesa questo è quanto in breue posso Raguagliare l' E.S. a chi per fine sa profondisse reverenza augurandoli del Cielo ogni suo conrrio? da Piombino li 28 Novembre 1649.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore
 
 
 

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO