Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

9788866150411

Benito Mastacchini DAL BOSCO ALLA PENNA p. 110 ill A5 € 15,00 Collana Poesia n. 29 2012

 

  a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 7,50

Benito Mastacchini è uno degli ultimi cantori che usa il sonetto fino all'ottava rima, è anche un attivo “Maggerino” attento ai fatti che si svolgono nei paesi e nel mondo. «Primo Maggio anche quest'anno / va nei borghi e nei poderi /a parlar di fatti veri...»
Il suo messaggio è sempre “pedagogico” e diretto a colpire i buoni sentimenti e a indicare la buona strada della vita anche se qualche volta con ironia e dileggio. «Io stavo cercando un giovanotto / che sapesse suonare gli strumenti / tu non suoni né l'organo né il fagotto / per me sarebbe grandi patimenti.»
Benito è anche un uomo senza compromessi, un animo libero come devono esser i veri poeti e cantori «Io canto e scrivo nell'indifferenza / senza pensare troppo ai giudicanti / sempre col mio pensiero tiro avanti, / gli altri sopporteranno con pazienza...» e capace di cantare per la giustizia e la libertà «Noi chiediamo giustizia e rispetto / e l'Italia sia patria di tutti. /Non vogliamo che vadan distrutti / i valori di comunità.»
Infine è anche un innamorato del suo paese, Suvereto, a cui dedica una straordinaria visita guidata descrivendo i luoghi e i personaggi che rendono vivo il paese tramite il loro lavoro: «Fermatevi al negozio di Paponi / se di guardare non avete fretta / si trova dalle pentole ai bottoni / e il bel sorriso che ci offre Loretta...»
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore
.

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO