Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

9788866150237

Martorella Maristella, Rime tra pentole e fornelli, p. 82, A5, Bross, € 9,00,Collana poesia n. 12, 2012

 

  a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 5,00

Maristella ha la capacità di eternare sulla carta la quotidianità di una vita: piena di -solitudine, meraviglia stupore, affetti e riflessioni
testimonianza del vissuto di migliaia di casalinghe. “Con te/ è come essere sola,/ peggio che sola.” fino ad arrivare a subirla “Vivo questa mia vita/ e se vuoi mio destino/ ed aspetto la morte.” Ma ha anche dei guizzi di gioia che ridonano speranza alla vita nonostante tutto... “Mi ha svegliata il tuo bacio./ Ho aperto gli occhi./ Il tuo viso vicino al mio,/ ed è felicità.” Non mancano riferimenti ai figli, ormai lontani, dettati dal sentimento materno che non muore mai. “Non serve dirti/ il silenzio della casa,/ inutili e vuoti i giorni.”
Infine, molte lettrici si potranno ritrovare in questi versi per condividere sognare, sperare e come Maristella cercare la via d'uscita da quella dolce prigione “Mi sento un passerotto / in una gabbia d'oro,/ la mangiatoia piena./ Ma ho voglia di volare,/ di librare le ali,/ e di sentire il vento/giocare tra le penne.” e alfine riuscire a ritrovare tutta se stessa “Quando alfin mi desto, / sorrido, mi sento felice:/ io sono io/ con ricordi speranze illusioni./ C'è chi non ne ha/ e sta peggio di me./ Dio ti ringrazio di essere/ questa che sono.”
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO