Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

EAN 9788866151159

AA.VV. MEMORIE DI FERRO pp. 96 ill. € 11,00, Bross. Maremmana n. 3 2012.

 

  a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 6,00

Queste «memorie di ferro» vogliono raccontare, attraverso la voce di testimoni diretti, le storie della città di Follonica e della sua antica fabbrica siderurgica, quella che viene ancora oggi chiamata l’Ilva.
Sono testimonianze in gran parte inedite o, in alcuni casi, pubblicate su alcuni quotidiani oltre cinquanta anni fa.
Si inizia con le» memorie» di Luigi Saragosa,da quando era arrivato con il padre ferroviere da Cassino nel 1875 (soltanto sedici anni dopo la partenza del granduca Leopoldo II). Luigi Saragosa aveva aperto a Follonica la prima edicola ed era stato un testimone curioso ed attento della vita della piccola cittadina, nella sua lotta per «affrancarsi» dalla vecchia Maremma ed avviarsi, faticosamente, verso la modernità.
La seconda parte è dedicata ad alcuni testimoni dell’Ilva: sono testimonianze raccolte agli inizi degli anni Ottanta da Claudio Saragosa, allora studente della Facoltà di Architettura di Firenze, e trascritte e rielaborate per questa pubblicazione. Trent’anni fa erano ancora viventi quei testimoni che avevano fatto in tempo, agli inizi del Novecento, a vedere in funzione gli altiforni, il forno delle ringrane e a veder scaricare l’ematite dell’Elba al pontile di Follonica. Attraverso le loro testimonianze possiamo seguire la parabola dello stabilimento fino alla chiusura del 1960 e il successivo trasferimento delle maestranze nello stabilimento siderurgico di Piombino.
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore
.

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO