Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

9788866150077

Niccolini Fioralba, La casa di Guido, la morte di Garfagnino, p. 112 ill. € 12,00
Bross. Nuovi autori n. 16 2011.

 

  a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 6,00

I due racconti lunghi a cui segue dei ricordi di gioventù, di Niccolini Fioralba sono lo specchio della campagna Toscana degli anni '30 e '50 del secolo scorso dover ancora la “modernità” non aveva messo radice.
Sono vicende “sanguigne” che traboccano d'amore, passione, gelosia e rivalità in un ambiente ancora incorrotto dall'inquinamento e da un cattivo uso della tecnologia.
I personaggi che si muovono in questo ambiente sono contadini, guardie forestali, massaie, giovani in rivolta, piccoli commercianti, e immigrati del sud che fanno fatica ad integrarsi negli usi e costumi toscani giungendo a estremi rimedi di giustizia “fai da te”.
Fioralba ha vissuto questa realtà, e oggi dopo molto tempo, ricorda luoghi persone e fatti simili a quelli gli sono accaduti. Un pezzo di vita e di speranze che oggi non esistono più, se non nel suo cuore e nei suoi pensieri.

Eveline, Gisele e Guido sono i protagonisti principali del primo racconto. Una famiglia che, Eveline, vedova da tempo, teneva unita e proteggeva dalle insidie del mondo. Ma un giorno l'amore a cui nessuno può comandare, provoca divisioni in famiglia, e distacchi.
Da qui inizia la storia che prosegue coinvolgendo persone e luoghi diversi. Tornata la pace, l'amore è di nuovo protagonista e questa volta, sembra, in modo lieto, e carico di promesse e felicità, senonché il diavolo ci mette la coda, o meglio ci mette di mezzo un giovane don Giovanni che sistematicamente tenta di distruggere i buoni sentimenti e i legami onesti.
La tragedia, incombe all'improvviso e la storia d'amore che aveva visto come protagonisti Guido e Diria diviene una tragedia che porta dietro se astii, vendette, rimorsi.
Il secondo racconto ha come protagonista Garfagnino un uomo dal cuore d'oro e all'antica. Fioralba lo ricorda attraverso i sbiaditi ricordi di una bambina di cinque anni e di sua madre. Garfagnino vedovo ha due figli e una figlia, gestisce un negozio e nello steso tempo un orto. É il tempo della seconda guerra mondiale, ne siamo alla sua fine; ma la vita è pur sempre grama e la ricostruzione è di la da venire. Ciò non impedisce le relazioni anzi queste si fanno più frequenti e solidali.
Uno dei figli di Garfagnino s'innamora di una ragazza siciliana, emigrata con la sua famiglia vicino al paese. La storia però finisce molto presto a causa della gelosia di lei e del suo modo diverso di intendere i legami. Ciò provocherà una inimicizia tra le due famiglie quella di Garfagnino e della famiglia Soprani; e quando con il tempo tutto sembra sopito scoppia la tragedia.

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALTRI LIBRI DELLO STESSO AUTORE

9788866151098

Niccolini Fioralba IL SIBILO DEL SERPENTE, LE COLLINE DEL VENTO P. 2

9788866150473

Fioralba Niccolini LA RUPE DEI CIPRESSI, I FRATELLI CAMEROTTI p. 204 ill A5 € 16,00 Collana Nuovi autori n. 27 2014

9788866150473

Fioralba Niccolini IL TEMPO DEI GIRASOLI p. 204 ill A5 € 15,00 Collana Nuovi autori n. 24 2012

EAN 9788866151005

PENSIERI & PAROLE Fioralba Niccolini, pp. 186 ill. A5, € 15,00 anno 2015 Collana Poesia n. 39