Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

9788866150695

PRIME LUCI p. 92 ill., € 12,00 A 5 Bross. CollanaNuovi autori n.25 2013.

 

 a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 6,00

E' la storia di Corrado medico di una piccola cittadina che sogna un mondo diverso, e per questo, combatte giorno per giorno portandosi dietro un sogno, un grande sogno che riguarda l'Africa i suoi abitanti e il suo deserto...
Una storia dove anche l'amore tra lui e Olga trovano un posto importante per sognare e sperare.

Erano i tempi in cui si valorizzava più un Camus che un Sartre, i tempi in cui si ritardava il premio Nobel ad Ungaretti. Erano i tempi del cannibalismo politico, i tempi in cui era permesso rubare, assassinare ed essere mafiosi. In alto si parlava falsamente di democrazia e di giustizia mentre il Grande Falco moriva con sua moglie, sulla strada, per ordine della cupola. E non era la cupola di San Pietro, perché il Papa era in Africa e baciava i bimbi neri prima che morissero di fame. E morivano e continuarono a morire di fame.
Il mondo era un letamaio nel quale si sviluppavano malattie prima sconosciute e che stranamente colpivano i ricchi invece dei poveri e la Morte abbracciava i giovani invece dei vecchi. Le suore giovani e carine non potevano frequentare i loro compagni sacerdoti e questi non bevevano più il sangue di Cristo, ma Martini Dry con gin e due gocce di limone.
Un cambiamento genetico differenziava i bimbi poveri da quelli ricchi: i primi avevano un occhio da bimbo triste e l’altro da uomo maturo, già provato dalla vita e silenziosamente incazzato. I bimbi ricchi avevano gli occhi azzurri come il mare, profondi di future gioie e brillanti di spensieratezza.
I giullari della televisione avevano stancato la gente con le loro fantasie, critiche, verità, mode. C’era sempre meno da scoprire nei meandri dell’immaginario ed in silenzio si sperava, seppur con timore, nella morte, per un mondo migliore.
Era il tempo in cui si dava un’età all’amore, che non aveva mai avuto età, era il tempo del razzismo generazionale: i giovani contro gli adulti e gli adulti contro gli anziani. Non si riusciva a dar vita ad un movimento in senso inverso ed il disprezzo non lasciava mai il posto alla comprensione.

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore
 

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO
 
 
 

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO