Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

9788866150428

COLFERRO E COL VENTO Un viaggio siderurgico nell'Austria del 1820. p. 84 Ill. 16 F.to Col.14 40B/N€12,00 A5 Bross. Bib, di Storia n. 13 2012

 

  a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 6,00

 

Nella settimana fra il 31 agosto e il 6 settembre 1816 il granduca di Toscana Ferdinando III, a cui il trattato di Vienna del 1815 aveva assegnato i territori del Principato di Piombino, decideva di affidare la gestione degli opifici del ferro magonali e delle miniere dell’Elba ad una società denominata Amministrazione Imperiale e Regia delle Miniere e Magona (più brevemente “Regia Mista”) che, in cambio di un canone annuo dovuto allo Stato di 200.000 lire toscane, avrebbe dovuto gestire e migliorare l’intero settore siderurgico granducale. L’impresa operava in regime di monopolio, ma non aveva piena libertà d’azione in quanto sottoposta al controllo di un commissario di nomina granducale. I principali contraenti erano due finanzieri fiorentini, Sebastian Kleiber e Cesare Lampronti, che si avvalsero della consulenza produttiva di un terzo socio, il francese Louis Morel de Beauvine, che fu la vera e propria anima dell’operazione. 1
Compito più urgente per la Regia Mista era quello di rinnovare gli impianti siderurgici, in particolare quello di Follonica: l’attenzione di Morel si appuntò soprattutto sulla forma del forno fusorio e sulla macchina soffiante. Follonica aveva un grande forno a sezione quadrata (detto “alla bergamasca”) e uno più piccolo costruito nel periodo francese dall’appaltatore Alexandre Boury e che era già semirovinato. Si trattava di sostituire il vecchio forno a sezione quadra con uno a sezione rotonda in modo da ottenere un processo di fusione più razionale ed un risparmio notevole in carbone. La stessa cosa doveva avvenire con la costruzione di una macchina soffiante, mossa dall’energia idraulica, che insufflasse aria asciutta all’interno del forno stesso, invece delle vecchie trombe idroeoliche che insufflavano aria umida, non permettendo alla temperatura interna di mantenersi omogenea e consentire, quindi, di ottenere un miglior prodotto fusorio. Questo anche in prospettiva di ottenere una produzione quantitativamente e qualitativamente migliore, compresi i “getti “ in ghisa che già si producevano in varie parti d’Europa con risultati talvolta eccellenti.....

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore

9788889971673

Bartalini Ezio, Garibaldi socialista, p.52, ill., € 8,00 Bross., Bib Del '900, n.12, 2007

9788889971734 Bartalini Ezio, Il mio Gramsci, p. 54, ill. € 8,00 Bross., Bib Del '900, n. 5, 2007
9788889971505 Bartalini Ezio, Te lo ricordi quel 18 Aprile... p.40 ill., € 6,00 Bross. Bib Del '900 n. 4, 2007.
9788889971550 Bartalini Ezio (cura Arrigoni Tiziano), Il monsignore e il socialista, p. 56 ill. € 9,00 Bross., Bib. Del '900 n. 16 2010.
9788889971550 Bartalini Ezio (cura Arrigoni Tiziano), Il monsignore e il socialista, p. 56 ill. € 9,00 Bross., Bib. Del '900 n. 16 2010. 

97888661502989

Bartalini Ezio POESIA LAICA Carducci 6 Pascol (cura Arrigoni Tiziano), p. 52, A5 € 6,00 collana Biblioteca del '900, 2012

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO