Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.
 Nostro Partner

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

EAN 9788866151746

 MESEMBRIANTEMI
I fiori di mezzogiorno
Sette Racconti
Nedo Tavera 17x24 Ill.
Pagg. 108 anno 2018 € 12,00
Collana Maremmana n. 10

 

  richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 6,00

Ai lettori che mi faranno l'onore di leggere queste pagine voglio dire che, dopo aver pubblicato diversi lavori di ricerca storica sulla mia città, questo ultimo volumetto che ho inteso presentare, dopo molte perplessità al riguardo, ad un'età più che matura, è un'occasionale incursione nel campo della narrativa e vuol essere una sorta di “canto del cigno”, in chiave personale, sia per dire addio a futuri propositi di impegno storico-letterario sia per suggellare il tenace attaccamento alla mia città stessa.
Per la verità, non volevo proprio far stampare questi scritti, buttati giù tanti anni fa e originati da esperienze e impressioni personali della giovinezza. È stato soltanto un mio scrupolo di coscienza, quasi un obbligo morale, che ho sentito nei confronti di parte di essi a farmi cambiare idea.
Alludo, soprattutto, al ritratto, ancorché incompleto, di una importante figura piombinese scomparsa come Don Vito Latini, a cui avevo promesso da ragazzo di dedicargli addirittura una biografia, alludo al breve, devoto ossequio alla memoria dell'Amica, grandissima “Artista”, Magda Olivero e alludo anche alla vicenda storica locale che ha dello incredibile e che riguardò la premeditata e vandalica distruzione del Palazzo dei Principi di Cittadella, di cui mi premeva rimarcarne qui l'estrema gravità, affinché non venisse mai dimenticata dai Piombinesi.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore
 
 

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO