Arte
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi esistemi 
Infanzia
I Libri del mare
Lingue del mondo
Maremmana
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Viaggi memorie

 E-book

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Le librerie dove potete trovarci

Torna al Catalogo Generale
 

 

9788866150978

La mia famiglia DAL FOLKLORE AL MARISMA

p. 152 ill. € 14,00 F. 41 B/n Bross. Maremmana n. 6 2014

 

  a richiesta è disponibile la versione in e-bok pdf Ordine E-book € 7,50

«Se si vuole descrivere un luogo descrivendolo completamente non come apparenza momentanea ma come una porzione di spazio che ha una forma, un senso e un perché, bisogna rappresentarlo attraversato dalla dimensione del tempo, bisogna rappresentare tutto ciò che in questo spazio si muove d'un moto rapidissimo o con inesorabile lentezza: tutti gli elementi che questo spazio contiene o ha contenuto nelle sue relazioni passate, presenti e future. Cioè la vera descrizione d'un paesaggio dell'insieme dei fatti che hanno lentamente contribuito a determinare la forma con cui esso si presenta ai nostri occhi finisce per manifestare e contenere la storia di quel paesaggio.»

Questa citazione di Italo Calvino sarà dunque una delle premesse che mi hanno aiutato a descrivere una storia familiare che si incrocia, si divarica e torna ad allacciarsi con il tempo e l'ambiente che lo circonda; allo stesso tempo a far emergere fenomeni di vita sconosciuti e legare questi ultimi a precisi fatti storici e geografici.
Le sintesi si presentano quanto mai complesse e dubbie e rischiano di offrire non sempre un quadro convincente per la coerenza e specificità. Consapevole di tutto ciò ecco allora che per far comprendere cosa contiene questo scenario, cercherò di dare a ciascuno degli elementi che compongono il reticolo, i suoi percorsi e il per come, il suo prima e il suo poi, tutto legato alla dimensione del tempo, ossia “la storia.”
Non potendo concentrare tutti questi elementi in una sola ricostruzione storiografica, ho ritenuto opportuno suddividere la narrazione in quattro capitoli.
Nel primo capitolo, passerò in rassegna la gioia dell'adolescenza, le difficoltà incontrate durante la mia innocente fanciullezza, la sofferenza della grande guerra, i sogni della mia gioventù, le mie angosce, i miei riscatti, per effetto dei quali è scattata adesso la riscoperta dei ricordi raccontati da mia madre; la molla che mi ha spinto a riportare alla luce la storia complessa dei miei ascendenti (nonni materni), che sembrava sepolta per sempre nel contesto di una metamorfosi familiare vecchia di oltre un secolo.
Nel secondo capitolo, cercherò di descrivere attraverso una sintesi, tutto quello che uno scenario storico della memoria contiene: dalla stratificazione dei luoghi, per dar loro uno spessore del tempo, alla derivazione dei propri nomi, alla vita delle comunità e attività pastorali, scandita dai ritmi imposti dalle tradizioni, ma soprattutto dal “Folklore.” Poi i sentimenti religiosi, le civiltà agricole e delle montagne del Casentino e della Maremma, le strade della transumanza intraprese durante il periodo della Dogana dei “Paschi.”2
Mi preme sottolineare, che anche quando sono obbligato ad addentrarmi nelle trame degli eventi del passato storico, e quindi ad affrontare, di volta in volta, la ricchezza delle bibliografie concatenate con gli eventi, tramite le conoscenze storiografiche, l'interesse principale resta sempre quello geografico.

Nel terzo capitolo mi propongo di mettere in evidenza le variabili comportamentali dell'uomo, l'esplorazione della coscienza individuale, il gioco fra destino e quel che succede.
Nel quarto capitolo ho cercato di dare il giusto spessore ad ogni segmento, ad ogni punto delle linee che ho tracciato. Per ciò che emerge, scavando nei primi anni del Novecento, non solo sulle guerre e trasformazioni sociali, ma nella dinamica degli eventi, che hanno reso possibile rompere e dissolvere i valori umani della discendenza di una famiglia secolare per eccellenza, tra le più facoltose della zona dell'Appennino Casentinese.
Tutto ciò accadde nello stesso momento in cui si congiunge a giuste nozze la figlia (una degli eredi) con un erede di un'altra ricca famiglia del luogo.
“Erano i miei nonni materni.”

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ALTRI LIBRI dell'Autore

9788866150138

Pelagagge Ugo (cura Fiorenzo Pelagagge), Per memoria non per nostalgia, p. 116 ill. € 13,50 F. 41 B/n Bross. Maremmana n. 2 2011.

 

CONSIGLIATI SULLO STESSO ARGOMENTO
9788889971734 Simonin Louis (cura Arrigoni Tiziano), Nel mondo sotterraneo. Viaggio in Maremma e all'Elba, p. 206 ill. € 16,00 Bross. Maremmana n. 1 2010.