Leggere è vivere
 

 

 en costrution
 
Annunci Gratuiti Forum Gratis php nuke Gratis Blog Gratuito Album Gratuito

 Ricerca

 Autori titoli

 e-book

 Chi siamo

I nostri autori

 Librerie
 Pubblica con noi   Libro Volante

 Facebook

 Ordini

I minerali sono vivi, la loro vita č semplice, ma proprio per questo vicina all’Origine, alla Creazione e quindi al Divino.

 

Per non vedenti e Ipovedenti - entra nel sito personalizzato

 EVENTI & APPUNTAMENTI

 Autori alla prova

 l' X-Lector degli scrittori

Pagina principale

  Homepage Libreria dalla nascita alla chiusura

 Collane Editoriali

Cliccate sulle collane per scoprire i nostri titoli e i nostri autori
Arte
Biblioteca del LibroVolante 
Classici
Cataloghi e mostre
Diari e Biografie 
Fantasy 
Glottologia
Giochi e sistemi 
Infanzia
i Libri del Mare
Lingue del mondo
Maremmana
Miniere e Minerali
Nuovi autori Romanzi
Opere dello Spirito
Pensieri in libertà
Poesia
Saggi & studi Saggistica
Storia Bib. del '900
Storia Bib. di Storia
Storia Mazziniana
Teatro
Tesi di laurea
Varia
Viaggi memorie

 E-book

PER GLI E-BOOK

PER LA VOSTRA SICUREZZA

PAGAMENTO TRAMITE BONIFICO BANCARIO ANTICIPATO

  Documenti editoria: file allegati ai libri in rete.

 Autori alla prova
 I nostri libri di poesia sono anche alla Libreria Libra di Roma

Alcuni Nostri LIBRI SONO SUL SITO INTERNAZIONALE Imboker.com a disposizione degli editori stranieri per tradurli in altre lingue www.inboker.com

l' X-Lector degli scrittori
 I nostri video su you tube

Sara Calloni Present. libro

 
  Falcioni giornata poesia

 

La Bancarella dal '47 al 2009
 

 

Collana Miniere e Minerali

 
 
MINIERE E MINERALI DI CAMPIGLIA MARITTIMA
Roberto Nannoni, Marco Pistolesi, Roberto Rossi
pp. 164 anno 2012 18,50
EAN 9788866150480
Coll. Miniere e Minerali n. 1
100 foto a Col. e 54 B/N. con carte e mappe. 
foto presentazione a Campiglia M.ma
   
   
   
   


La Bancarella Editrice
Via Della Repubblica n. 47
57025 Piombino (Li)
Telefono 0565.221959
Fax 0565.221959

 Notizie e news

Meditando sui minerali, sui cristalli e sulle pietre preziose per penetrare i segreti delle loro strutture geometriche, ci avviciniamo alla vera scienza, la scienza dei princîpi.

Un giorno potremo così andare a visitare le viscere della terra per vedere come gli spiriti della Natura lavorano su tutto il mondo minerale; visiteremo i suoi cantieri dove miliardi di entità intelligenti si sforzano più che possono di riprodurre sulla terra la bellezza e la perfezione del Cielo.

In realtà, nessun minerale, fosse anche il più prezioso, riuscirà mai a riflettere esattamente la bellezza celeste, che è ineguagliabile. Il mondo fisico è lontano dal poter essere paragonato al mondo divino, ma almeno può talvolta darcene un'immagine.

Le pietre preziose, tutte quelle meraviglie che ci offre la terra, sono altrettanti riflessi del mondo divino: esse ci ricordano, per così dire, la purezza, la trasparenza e la lucentezza del Cielo."

Omraam Mikhaël Aïvanhov

da: http://www.cerchiumvitae.it/regno-minerale.htm


"Molti dei miei ricordi d’infanzia sono legati ai metalli - come se avessero esercitato su di me un potere immediato. Spiccando sullo sfondo di una realtà eterogenea, si distinguevano per la lucentezza, il bagliore, l’aspetto argenteo, la levigatezza e il peso. A toccarli erano freddi, e quando venivano percossi risuonavano.
Mi piaceva il giallo dell’oro, e quel suo essere così pesante. Mia madre si sfilava dal dito la fede nuziale e me la lasciava tenere in mano per un po’ mentre mi parlava della sua inviolabilità, di come non si annerisse mai. ‹‹Senti com’è pesante›› aggiungeva. ‹‹Più pesante del piombo››. Che cosa fosse il piombo già lo sapevo, perché avevo maneggiato un pezzo di tubatura, fatta di quel metallo tenero e pesante, che l’idraulico aveva dimenticato a casa nostra. Anche l’oro era tenero, mi spiegava mia madre, e perciò solitamente lo si rendeva più duro combinandolo con un altro metallo.
Lo stesso accadeva col rame: lo si univa allo stagno per ottenere il bronzo. Bronzo! - solo il suo nome era per me come uno squillo di tromba, giacché il suono stesso della battaglia era un vivace cozzare di bronzo su bronzo, lance di bronzo su scudi di bronzo, il grande scudo di Achille. Altrimenti, il rame si poteva legare allo zinco, raccontava mia madre, e in tal caso si otteneva l’ottone.(da Oliver Sacks in "Zio Tungsteno")




.